Passa al contenuto principale

La miomectomia è una procedura chirurgica che viene eseguita per rimuovere il fibromi, tumori benigni molto comuni durante l'età fertile che crescono all'interno o lungo le pareti dell'utero, questa causa è nota come miomatosi uterina. il miomectomia È un trattamento chirurgico sicuro ed efficace per la rimozione dei fibromi, adatto a tutte le donne con sintomi gravi e sempre possibile quando il paziente vuole preservare l'utero.

QUANDO È NECESSARIO ESEGUIRE UNA MIOMETTOMIA

I fibromi, anche chiamato fibromi o leiomiomi, possono essere asintomatiche e passare inosservate o, a seconda della loro dimensione e posizione, possono causare sintomi come sanguinamento mestruale abbondante o irregolare, periodi mestruali che durano più a lungo del normale, disagio durante i rapporti o subfertilità e aborti spontanei.

Tre donne su quattro avranno fibromi ad un certo punto della loro vita, ma solo una su quattro ne soffrirà sintomi:

  • Sanguinamento mestruale abbondante
  • Sanguinamento irregolare
  • Periodi mestruali che durano più a lungo del normale
  • Sensazione di peso nel basso addome
  • Hai bisogno di urinare più spesso
  • Costipazione insolita
  • Anemia
  • Disagio durante il rapporto sessuale
  • Subfertilità e aborto spontaneo
  • Lombalgia nella parte bassa della schiena se il fibroma è grande

Se l' fibromi causare sintomi che influenzano l'attività quotidiana della paziente o rendono difficile portare a termine una gravidanza, miomectomia È la procedura chirurgica più appropriata, perché consente di rimuovere i fibromi, alleviare i sintomi e preservare l'utero.

TIPI DI MIOMECTOMIA

La miomectomia o asportazione dei fibromi uterini, a seconda delle dimensioni, della localizzazione e della quantità, può essere effettuata attraverso tre vie di accesso:

  • Attraverso l'addome: Miomectomia addominale.
  • Attraverso la vagina e la cervice: Miomectomia isteroscopica.
  • Attraverso piccole incisioni nell'obliquo o molto vicino: Miomectomia laparoscopica.

MIOMECTOMIA O LAPAROTOMIA ADDOMINALE

La miomectomia addominale è un intervento chirurgico che consiste nell'asportazione dei fibromi eseguendo nel basso addome, come un taglio cesareo, un'incisione o un taglio aperto, spesso orizzontale e parallelo alla vita, dove il chirurgo accede all'utero e procede alla pratica della rimozione dei fibromi .

L'intervento può richiedere da 2 a 3 giorni di ricovero e il recupero del paziente può comportare da 3 a 4 settimane di riposo relativo.

MIOMECTOMIA O ISTEROSCOPIA ISTEROSCOPICA

La miomectomia isteroscopica è una procedura chirurgica che consiste nella rimozione dei fibromi (senza incisione o taglio aperto) utilizzando strumenti (isteroscopio o resettoscopio) che vengono consegnati all'utero attraverso la vagina e la cervice.

El isteroscopio È dotato di una luce e di una telecamera con la quale si ottiene un'immagine ingrandita dell'interno dell'utero, che viene visualizzata su uno schermo. I fibromi possono essere rimossi con un isteroscopio utilizzato per rimuovere i fibromi dalla parete uterina utilizzando energia elettrica, o con un morcellatore isteroscopico con il quale il chirurgo taglia manualmente il fibroma.

La miomectomia isteroscopica è possibile nel caso in cui i fibromi causati da fibromi uterini siano di dimensioni adeguate e sporgano sufficientemente nell'utero.

Il paziente viene solitamente dimesso lo stesso giorno dell'intervento e il recupero del paziente può comportare circa 1 settimana di riposo relativo.

MIOMECTOMIA LAPAROSCOPICA O LAPAROSCOPIA

La miomectomia laparoscopica è una tecnica di chirurgia minimamente invasiva che permette alla paziente di intervenire ed eliminare i fibromi uterini effettuando piccole incisioni e senza dover aprire l'addome.

La chirurgia laparoscopica, che è un'opzione meno invasiva rispetto alla chirurgia addominale, richiede una notevole esperienza, specializzazione e competenza da parte dei chirurghi.

in un miomectomia laparoscopica, vengono praticate piccole incisioni nell'ombelico o molto vicine, attraverso le quali vengono inseriti gli strumenti chirurgici e un tubo con una piccola telecamera (il laparoscopio) e viene effettuato l'intervento per rimuovere i fibromi.

La miomectomia di Porta singola o porta singola È la chirurgia laparoscopica che viene eseguita attraverso una singola microincisione nell'addome (di solito nell'ombelico) attraverso la quale vengono inseriti gli strumenti chirurgici, compresa la telecamera che consente di visualizzare l'interno.

La la miomectomia robotica è una chirurgia laparoscopica robot-assistita, un intervento chirurgico particolarmente indicato per l'esecuzione di procedure chirurgiche molto complesse. Mediante bracci robotici e pinze articolate, il robot esegue in tempo reale e con assoluta fedeltà i movimenti della mano del chirurgo.

L'utilizzo del robot fornisce al chirurgo una maggiore sicurezza per trattare aree anatomiche di difficile accesso, facilita una visione allargata dell'interno del paziente, garantisce una manipolazione stabile degli strumenti chirurgici e consente la massima precisione nei movimenti delle mani del chirurgo.

I vantaggi e i benefici della miomectomia laparoscopica, un intervento chirurgico minimamente invasivo, rispetto alla chirurgia aperta convenzionale sono numerosi:

  • Meno dolore postoperatorio.
  • Meno farmaci.
  • Meno reazione infiammatoria.
  • Minor rischio di infezione.
  • Degenza ospedaliera più breve.
  • Recupero del paziente molto più veloce.
  • Risultati estetici spesso praticamente impercettibili.

Il recupero dalla chirurgia laparoscopica è più rapido rispetto alla miomectomia addominale: la paziente può essere dimessa lo stesso giorno dell'intervento e il suo completo recupero può comportare da 2 a 3 settimane di relativo riposo, durante le quali si consiglia di evitare l'esercizio fisico intenso.

COME PREPARARSI PER L'OPERAZIONE

Si raccomanda alla paziente di ridurre lo stress nei giorni precedenti l'intervento, di non usare tabacco (perché può ostacolare il recupero postoperatorio), di non bere alcolici nelle 48 ore precedenti l'intervento e di seguire le indicazioni del suo ginecologo per mantenere una dieta morbida.

È fondamentale che la paziente informi preventivamente il suo chirurgo di farmaci, integratori o rimedi naturali che potrebbe assumere, in modo che possa dirle come procedere nei giorni precedenti l'intervento.

COME SI EFFETTUA LA MIOMECTOMIA LAPAROSCOPICA

La chirurgia laparoscopica Viene eseguita attraverso piccole incisioni indolori attraverso le quali un tubo con una piccola telecamera (il laparoscopio) comandato da un secondo chirurgo, che permette di visionare l'interno dell'addome su uno schermo posto nella stessa sala operatoria e di guidare il chirurgo attraverso l'interno del corpo.

  • Per eseguire la laparoscopia, di solito viene applicata l'anestesia generale.
  • Invece di aprire (come in un parto cesareo), vengono praticate una o più piccole incisioni indolori molto vicino all'ombelico.
  • Attraverso le incisioni, viene introdotto del gas (anidride carbonica) per rigonfiare l'addome e fornire spazio e visibilità per il chirurgo.
  • Un tubo con una piccola telecamera (il laparoscopio) viene inserito attraverso l'incisione.
  • Vengono inseriti strumenti chirurgici (pinze, bisturi e altri dispositivi molto piccoli), consentendo al chirurgo di manipolare internamente senza dover aprire l'addome.
  • La telecamera consente di visualizzare l'interno dell'addome su uno schermo posizionato in sala operatoria.
  • Quando l'intervento è concluso, le incisioni vengono chiuse con semplici punti di sutura e molto frequentemente il paziente viene dimesso il giorno stesso dell'intervento.

CHE COS'È IL RECUPERO POSTOPERATORIO?

Il tempo di recupero per la miomectomia varia a seconda della via di approccio:

  • Miomectomia addominale. Trattandosi di un intervento a cielo aperto, questa opzione terapeutica è quella che richiede il ricovero e il tempo di recupero postoperatorio più lunghi. Spesso, l'intervento può richiedere da 2 a 3 giorni di degenza ospedaliera e il recupero può richiedere fino a 3 o 4 settimane.
  • Miomectomia isteroscopica. Una volta eseguita la miomectomia isteroscopica, il paziente può essere dimesso il giorno stesso dell'intervento, mentre il recupero postoperatorio può prevedere circa 1 settimana di relativo riposo, durante la quale si raccomanda al paziente di evitare di praticare esercizio fisico intenso.
  • Miomectomia laparoscopica. Il recupero postoperatorio dalla chirurgia laparoscopica, una tecnica chirurgica non invasiva, è molto più comodo e veloce rispetto alla chirurgia aperta convenzionale.

Il paziente viene solitamente dimesso e lasciato l'ospedale lo stesso giorno dell'intervento, e il recupero postoperatorio può durare fino a 2 o 3 settimane, durante le quali si consiglia al paziente di evitare un esercizio faticoso.

Dott. Francisco Carmona. Ginecologo di Barcellona

Dott. Francisco Carmona

Direttore Sanitario Donne

    Prendi un appuntamento con il Dr. Francisco Carmona

    Accetto la Politica sulla privacità.

    Questo sito utilizza cookies per voi di avere la migliore esperienza utente. Se si continua a navigare si sta dando il suo consenso all'accettazione dei biscotti di cui sopra e l'accettazione della nostra politica cookies, Clicca sul link per ulteriori informazioni.cookie di plugin

    bene
    Avviso cookies
    RICHIEDI UNA DATA