Passa al contenuto principale
Esmia. Interrompere il trattamento per problemi al fegato

ESMYA: MONITORARE LA FUNZIONE DEL FEGATO E NON INIZIARE NUOVI TRATTAMENTI COME MISURE PRECAUZIONALI

L'Agenzia spagnola per i medicinali e i prodotti sanitari ha emesso questo febbraio a nota informativa in cui indica di non iniziare nuovi trattamenti con il farmaco ESMYA e di monitorare la funzionalità epatica.

Esmya è indicato per il trattamento preoperatorio dei sintomi moderati e gravi di fibromi nelle donne adulte in età riproduttiva.

Poiché sono stati segnalati casi di danno epatico in donne in trattamento con ESMYA, l'AEMPS ha stabilito raccomandazioni per gli operatori sanitari:

  1. Non iniziare nuovi trattamenti o cicli di trattamento con ESMYA.
  2. Monitorare la funzionalità epatica mensilmente durante il trattamento e da 2 a 4 settimane dopo il termine, prestando particolare attenzione ai possibili sintomi di danno epatico.
  3. Interrompere il trattamento con ESMYA se i livelli di transaminasi superano di 2 volte il valore normale superiore.
  4. Informare i pazienti che hanno seguito questo trattamento sui possibili sintomi di danno epatico.

Ecco perché, in caso di assunzione di ESMYA, consigliamo a tutti i pazienti di visitare il proprio ginecologo.

Questa voce ha 0 commenti

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

Questo sito utilizza cookies per voi di avere la migliore esperienza utente. Se si continua a navigare si sta dando il suo consenso all'accettazione dei biscotti di cui sopra e l'accettazione della nostra politica cookies, Clicca sul link per ulteriori informazioni.cookie di plugin

bene
Avviso cookies
RICHIEDI UNA DATA