Passa al contenuto principale

L'ecografia in gravidanza ha un obiettivo diagnostico, consiste nel visualizzare il feto all'interno dell'utero materno per rilevare eventuali anomalie ed effettuare un follow-up esaustivo del feto durante la gravidanza. Grazie agli ultrasuoni, i futuri genitori possono anche vedere l'immagine del loro bambino prima della nascita, e i ginecologi possono controllare che tutto sia a posto nel feto, nella placenta, nel liquido amniotico e in altri elementi anatomici coinvolti nella gravidanza.

Ultrasuoni permettono al ginecologo di "vedere" il bambino prima della nascita. Ce ne sono diversi tipologie di ultrasuoni o ultrasuoni, in 2D, 3D e 4D.

Quante ecografie bisogna fare e in quali settimane?

Durante l' controllo di una gravidanza Il numero di ultrasuoni da eseguire può variare in base a diversi fattori, ad esempio se si tratta di un gravidanza a basso rischio o un gravidanza ad alto rischio ostetrico. Il specialista in ginecologia pianificherà quanti ultrasuoni sono necessari per eseguire.

In uno gravidanza normale il solito numero di ultrasuoni È il seguente:

  • Ecografia primo trimestre. Si svolge tra 6a e 10a settimana. Sono la prima ecografia della gravidanza. Il suo obiettivo è conoscere il numero di embrioni e stabilire più precisamente l'età gestazionale.
  • Ecografia secondo trimestre trim. Si svolge tra l'undicesima e la tredicesima settimana. Il suo obiettivo è valutare l'anatomia del feto e rivedere i marcatori che consentono di calcolare il rischio di Sindrome di Down.
  • Ecografia morfologica. Si svolge tra 20a e 22a settimana. Questa è l'ecografia ostetrica più completa della gravidanza. In esso viene effettuata una valutazione completa di tutti gli organi del feto, il cui obiettivo è escludere la presenza di anomalie strutturali. Viene anche analizzato utero e placenta per avere maggiori informazioni sull'evoluzione della gravidanza.
  • Ecografia del terzo trimestre. Si svolge tra 30a e 34a settimana. L'obiettivo di questa ecografia è valutare il crescita fetale, la quantità di liquido amniotico e vedere se ce n'è patologia fetale.

Viene eseguita anche un'ultima ecografia sul 39a o 40a settimana del parto per valutare che il feto sia in posizione corretta e le sue dimensioni.

Quando si verificano gravidanze a rischio, gravidanze multiple (gemelli, trigemini, ecc.) o altri casi particolari, vengono eseguite più ecografie a seconda delle circostanze.

Tipi di ultrasuoni

Gli ultrasuoni possono essere 2D, 3D y 4D. I 3D y 4D permettere ai genitori di vedere meglio il loro futuro figlio e potrebbe anche avere il video nel caso dell'eco 4D per vedere dopo.

Ecografia 2D

Ultrasuoni bidimensionali, è il più diffuso nel nostro ambiente, è bidimensionale e viene visualizzato su un monitor mentre il ginecologo esegue la visita. Potrebbero essere necessari diversi tentativi per ottenere un'immagine ecografica chiara se il feto è in movimento. Le immagini in movimento saranno visibili sul monitor, ma sono piatte e in bianco e nero.

Queste Ultrasuoni 2D sono i soliti in molte cliniche e ospedali quando si esegue un diagnosi fetale. È difficile per i genitori distinguere qualcosa nella foto scattata da un'ecografia 2D.

Ecografia 3D

È un'ecografia in cui vengono visualizzate immagini fisse tridimensionali dall'ecografia bidimensionale che viene solitamente eseguita.

Ecografia 4D

Un Eco 4D È una tecnica non invasiva e senza rischi per il bambino o per la donna incinta. Un trasduttore viene fatto scorrere sull'addome della donna incinta, consentendo di catturare le immagini che rivelano i dettagli del feto. non mi piace il Ultrasuoni 3D, One Ultrasuoni 4D Consiste nella sequenza di immagini 3D in movimento in tempo reale.

Questo sito utilizza cookies per voi di avere la migliore esperienza utente. Se si continua a navigare si sta dando il suo consenso all'accettazione dei biscotti di cui sopra e l'accettazione della nostra politica cookies, Clicca sul link per ulteriori informazioni.cookie di plugin

bene
Avviso cookies
RICHIEDI UNA DATA